Strade di ghiaia nella torbiera alta - Dirty Kanzelled

Dirty Kanzelled 200 – Graveln nell’Eifel

Le Gravelbikes sono nella tendenza non è solo conosciuto da ieri. Gli eventi si possono trovare quasi ovunque e in primo piano c’è qualcosa che ci collega tutti – il divertimento di guidare. Lo spettro è enorme e così i ciclisti con pneumatici più o meno larghi si riuniscono per esplorare strade remote, sentieri di campi e foreste.

Il Dirty Kanza 200 si distingue in questo senso. Già dal 2006 va qui su ghiaia e selci a spigoli vivi in mezzo agli Stati Uniti. Tuttavia, a causa della pandemia di Corona in corso, anche questo evento dovrà essere cancellato quest’anno. Ispirati dall’ex professionista Laurens ten Dam abbiamo deciso di partecipare al Dirty Kanzelled. L’idea è semplice. Da solo o in coppia, pianifichi un tour dei tuoi dintorni come rappresentante dell’evento.

Dirty Kanzelled – La pianificazione del percorso

Dopo una breve riflessione, l’idea di base per il nostro tour è stata fissata. Volevamo collegare e scendere le dighe nella regione dell’Eifel settentrionale / Eifel belga / High Fens. Non avevamo idea di quanto questo avrebbe influenzato il tour.

265096 komoot logo web 2 c51a5e original 1511257081
Komoot rende facile la pianificazione dei percorsi

Con il route planner Komoot il percorso è stato più che semplicemente fornito e si trovava dopo l’ottimizzazione di alcuni punti fini. Abbiamo usato l’impostazione della bicicletta, perché il pianificatore di percorsi non offre ancora un’impostazione specifica per la ghiaia. Abbiamo deciso per una lunghezza di 200 chilometri (rispetto alle 200 miglia/320 km dell’originale). 55 di loro su strade non asfaltate su ghiaia e sporcizia – molto stile Dirty Kanzelled. In tutto abbiamo dovuto superare un’altitudine di circa 2700m.

La preparazione

Chiunque abbia mai pianificato una lunga gita di un giorno sa che c’è anche una certa preparazione. Di conseguenza, abbiamo controllato accuratamente le marce, i freni e le gomme il giorno prima del tour per essere il più possibile senza difetti sul Dirty Kanzelled.

Le nostre bici da ghiaia sono prodotte da OPEN dalla Svizzera e sono equipaggiate con pneumatici WTB ByWay per questo tour. Anche se seguirà un rapporto dettagliato, una cosa può essere detta in anticipo – siamo più che soddisfatti dell’UP / UPPER.

Dirty Kanzelled 16
Il nostro setup per la Dirty Kanzelled 200

Inoltre, non poteva mancare quanto segue:

  • Pompa ad aria
  • Minitool
  • Leva del pneumatico
  • Spruzzare cera per catene
  • Tubi di ricambio (sì – in realtà non siamo ancora tubeless)
  • Computer da bicicletta (con cintura per la frequenza cardiaca)
  • Bottiglie per bere
  • Barrette, gel, cialde, ecc. sufficienti.
  • Macchina fotografica
  • Telaio e/o borsa da sella

Per quanto riguarda il cibo, ovviamente dipende fortemente dal fatto che uno abbia previsto delle fermate e da quante. Allo stesso modo, l’esperienza mostra che bisogna riempire le bottiglie di tanto in tanto durante un lungo tour.

Il giorno dei giorni – Il nostro sporco Kanzelled

Con un giorno di ritardo, ma tanto più motivati, abbiamo iniziato il nostro tour su ghiaia Dirty Kanzelled la domenica di Pentecoste. Dopo un’abbondante colazione che ha riempito ancora una volta le riserve di energia per la giornata, siamo partiti alle 10 meno un quarto.

Dirty Kanzelled 1

Dopo una buona ora abbiamo raggiunto la prima destinazione intermedia. La diga di Dreilägerbach a Roetgen. Qui iniziò anche il primo settore di ghiaia un po’ più lungo. Questo portava all’ombra della foresta sopra il Dreilägerbach fino in alto nel Wollerscheider Venn.

Dirty Kanzelled 2
Con le scarpe da bici da strada a volte è scomodo – che tipo di pedali usi?

Poi siamo andati al Kalltalsperre. Lungo la strada, però, ci aspettava una sorpresa. Una discesa ripida e in parte tecnica doveva essere padroneggiata. Una mountain bike con un reggisella abbassabile sarebbe stato un piacevole cambiamento qui.

Poco dopo siamo stati premiati con la seconda diga.

Dirty Kanzelled 3

Dopo una breve ma ripida salita siamo passati su strade forestali fino a Schmidt. Lì abbiamo goduto brevemente della bella vista sul Rursee e potevamo già vedere la nostra prossima destinazione, il Rurtalsperre. Con brevi interruzioni, il tratto più lungo lontano dai sentieri asfaltati è iniziato qui e, con vista sul lago, anche uno dei più belli.

Dirty Kanzelled 4

Lungo la riva del lago il percorso portava alla diga Paulushof di Rurberg e poi fino alla diga Urft. Sfortunatamente, c’erano parecchi escursionisti in questo tratto, ma con il tempo fantastico questo non poteva essere evitato.

Dirty Kanzelled 6
La diga di Urft

La ripida salita al Ordensburg Vogelsang ha una pendenza media del 13% su circa 800 metri. Un’altra rampa seguì poco dopo. Su ghiaia allentata e abbastanza scivolosa, i 1,4 chilometri a una media dell’8% sono stati una vera sfida. Ma siamo stati ricompensati per questo. La vista idilliaca sull’altopiano di Dreiborn è impareggiabile.

Dirty Kanzelled 8
Un caloroso “Torturati, maiale!” ci avrebbe probabilmente aiutato anche qui.

La prossima destinazione intermedia era ora un po’ più lontana. Su strade di ghiaia il percorso ci ha portato lungo la Rur via Hammer a Konzen. Con le bottiglie vuote da bere nel frattempo, avremmo fatto meglio a lasciare la pista qui a breve. Ma la nostra strada portava nelle paludi. Su strade di ghiaia veloce non solo hanno fatto buona distanza, ma anche goduto il paesaggio.

Dirty Kanzelled 10
Infinite strade di ghiaia portano attraverso l’idilliaco Venn – un vero paradiso di ghiaia

Ormai in Belgio, ci siamo uniti alla Vennbahntrasse (RAVeL L46) a Sourbrodt. Sempre più spesso guardavamo a sinistra o a destra per trovare un distributore di benzina o un negozio di patatine. Ma non abbiamo trovato nulla.

Dirty Kanzelled 11

Quando siamo arrivati dopo 126 chilometri al lago artificiale di Bütgenbach, eravamo sicuri di trovare quello che cercavamo, dato che abbiamo incontrato molti camminatori. Ma anche qui siamo rimasti delusi. Lentamente la mancanza di liquidi ha offuscato un po’ il nostro umore e la nostra forma fisica, ma non avevamo altra scelta che continuare.

Il salvataggio – inaspettato arriva spesso

Dirty Kanzelled 13
La prossima volta pianificheremo sicuramente abbastanza stazioni di servizio ecc.

Dopo quasi 8 ore di guida, 140 chilometri e temperature fino a 29 gradi abbiamo scoperto un distributore automatico a bordo strada. L’ultima volta che ho usato uno di questi deve essere stato secoli fa, probabilmente in una gita scolastica, ma non importa. Abbiamo subito investito i nostri spiccioli in Coca e acqua e ne abbiamo tratto nuova forza. Poco dopo passiamo davanti a un negozio di patatine aperto dove ci rinforziamo brevemente e riempiamo anche le bottiglie.

Dopo una breve deviazione nelle Fens belghe intorno al Signal de Botrange, è seguita una lunga discesa fino alla prossima e quindi già penultima tappa del tour.

Dirty Kanzelled 14
Un leone di arenaria alto 13,5 metri sovrasta il Gileppe

Il percorso conduce attraverso la valle del Weser fino all’ultimo punto di tappa del percorso. A Eupen ci rinforziamo di nuovo con una coca per gli ultimi chilometri.

Dirty Kanzelled 15
Il Wesertalsperre segna la fine del nostro tour

Sugli ultimi metri verso casa ci godiamo il tempo. Ci è piaciuta soprattutto la sezione attraverso le High Fens – c’è certamente ancora molto da scoprire qui.

Con il WTB ByWay abbiamo scommesso esattamente sulla carta giusta. Su strada è quasi veloce come un pneumatico per bici da strada e anche sulla ghiaia il pneumatico convince con la presa e un buon comportamento di rotolamento. Ho usato il pneumatico nella versione 47mm x 650B Tanwall a 2,2 bar (v/h). Grazie al volume supplementare, il pneumatico assorbe i piccoli impatti in modo sicuro e piacevole.

Tutto sommato, il nostro Dirty Kanzelled 2020 è stato un successo. Abbiamo apprezzato il tour per la maggior parte senza alcun difetto (dobbiamo solo lavorare sulla pianificazione delle fermate di cibo).

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *