Maratona 8

Maratona fai da te – Corri fino a quando fa male

Lo scorso fine settimana è stato il giorno. Dopo otto settimane di preparazione, sabato ho corso per la prima volta una maratona. Come sapete, non ci sono competizioni a causa della Corona, quindi ero in viaggio senza alcuna competizione, solo combattendo con il tempo e con me stesso.

I preparativi finali

Dopo aver fatto colazione sabato, non c’era davvero molto da fare prima di poter finalmente iniziare a correre. Ho riempito le mie bottiglie, una con acqua e l’altra con la polvere ISO. Ho messo fuori un paio di gel e due banane per accompagnarlo. Avevo anche qualche piccola lattina di Coca Cola come razione. Con solo 150 ml, questi hanno una porzione perfettamente adatta allo sport. Con il tempo soleggiato dell’autunno, niente potrebbe andare storto.

Nutrizione sportiva da maratona Maurten gel, bar, Coca Cola, banana e bottiglia di bevanda Komoot

Maratona – La corsa

Allacciati le scarpe, mettiti la cintura per il battito cardiaco, stringi il tuo orologio. Poi iniziò. Sul mio percorso di quattro giri, ero sempre accompagnato da un membro della famiglia in bicicletta. Così potrei avere un drink o qualcosa da mangiare in qualsiasi momento. Mi ha anche reso ancora più motivato a mantenere il mio ritmo.

L’inizio è andato abbastanza bene. Un po’ distratto dalla moto potrei aver iniziato a correre un po’ veloce, ma ben all’interno di un range ragionevole. Dopo 6 chilometri ho preso il mio primo gel come previsto e ho bevuto come necessario. Ho finito il primo giro di 10,5 chilometri dopo 56 minuti. Una solida divisione del tempo e nessun problema finora. Cammino qualche metro per bere la prima lattina di Coca Cola prima di uscire per il secondo round. Può continuare così per quanto mi riguarda. E lo fa per un bel po’ di tempo. Verso la fine del terzo giro, però, noto come le mie gambe stiano diventando sempre più evidenti. Qui un pizzico nel polpaccio, là una contrazione nella coscia. Dopo 2 ore e 50 minuti e già 31,5 chilometri sono effettivamente ben dentro il tempo. Un’altra lattina di Coca e un piccolo morso di banana, poi mio fratello suona euforicamente l’ultimo giro con il campanello della sua bicicletta.

Da qui in poi diventa sempre più difficile. Ad ogni passo la considerazione oscilla se non si debba togliere un po’ la velocità, che però non posso permettermi. Sto già correndo solo ad un buon 6:10 min/km. Soprattutto quando è leggermente in salita mi manca la forza per mantenere un ritmo ragionevole, ma ora non importa. Ancora e ancora, i miei compagni suonano l’iconica colonna sonora di Rocky “Eye of the Tiger” per tenermi in movimento. Bisogna mordere i denti per rimanere sotto il limite di quattro ore.

Valutazione della maratona - frequenza cardiaca, pulsazioni, cadenza, profilo dell'altitudine
La cadenza (rosa) è scesa brevemente durante le pause della cola. Nell’ultimo giro mi sono fermato una volta e mi sono seduto, a questo punto il mio polso (rosso), che altrimenti oscilla costantemente intorno ai 165, scende un po’.

Poi, a un certo punto, è finalmente finito. Corro ancora qualche metro per evitare errori del GPS prima di godermi la sensazione di avercela fatta.

Recensione della maratona

A pochi giorni dalla partenza, vorrei fare un piccolo riassunto della mia esperienza nella maratona. La maratona dello scorso fine settimana è stata sicuramente una delle più grandi sfide che abbia mai affrontato. L’ultima ora in particolare è stata una pura battaglia con me stesso e la stanchezza nelle mie gambe. Nonostante un breve periodo di allenamento di otto settimane, ero sicuramente relativamente ben preparato. Soprattutto i molti chilometri di resistenza che ho fatto in bicicletta quest’anno sono stati decisivi. Così, dopo una breve acclimatazione muscolare, ho potuto iniziare subito.

Bildschirmfoto 2020 11 03 um 11.25.25
Nessun numero di partenza, certificato o altro – uno screenshot contiene il mio risultato tra i numerosi ricordi

Fondamentalmente, però, consiglierei sempre di organizzare l’allenamento per la maratona a lungo termine. Solo qualche corsa più lunga di 25-30 chilometri sarebbe stata utile di sicuro. 3-4 mesi per gli atleti provenienti da altre discipline e almeno 6 mesi per i nuovi arrivati sono appropriati. In questo modo si può reagire correttamente ai punti deboli e alle cause del dolore ed evitare lesioni.

Marathon 9
Ho preso un vecchio numero di gara che serve da promemoria, il mio ultimo risultato:
18,35 Chilometri – 1:20:43 – 4:23,9 min/km

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *