DSC_6314

PowerTap P2 – Unboxing

I primi pedali PowerTap P2 sono arrivati la settimana scorsa. Non abbiamo resistito a dare un’occhiata più da vicino a una delle scatole e a disimballarla. Naturalmente non vogliamo nascondere a nessuno il risultato di questo piccolo unboxing.

Ma prima una panoramica del PowerTap P2 e le innovazioni rispetto al precedente modello PowerTap P1.

Panoramica PowerTap P2 vs P1

Il PowerTap P2 è un misuratore di potenza a pedale di misurazione bilaterale. Fornisce ai ciclocomputer dati accurati sulle prestazioni attraverso la connettività ANT+ e Bluetooth Smart. Secondo il produttore, la precisione è di ±1,5%.

DSC 6148
Misuratore di potenza a pedale PowerTap P2

Rispetto a molti altri pedali per bici da strada e anche ai misuratori di potenza a pedale Favero Assioma e Garmin Vector 3, il PowerTap P2 ha uno stack notevolmente più grande. Questo significa che la superficie di contatto del pedale si accumula sull’asse del pedale. Questo era già il caso del PowerTap P1. Nel caso del PowerTap P2 Powermeter, la pila è di 14 mm, proprio come il modello precedente. Questo è circa 3-5 mm in più rispetto ad altri pedali affermati. Il pedale PowerTap P2 ha un fattore Q di 53 mm. Questo è misurato dalla manovella al centro della superficie del cuscinetto.

Il peso del PowerTap P2 è dato con una media di 398g. Va da sé che possono verificarsi leggere deviazioni dovute al processo di produzione.

Il PowerTap P2 Powermeter è alimentato da 2 batterie AAA standard. Come per il Powermeter P1, questi si trovano nel vano batterie con il coperchio arancione. Questo è facilmente accessibile dall’esterno quando è montato, in modo che un cambio di batteria possa essere effettuato molto rapidamente. Mentre il Powertap P1 aveva una durata della batteria di 60 ore, il Powermeter P2 ora dura 80 ore. Questo corrisponde a un miglioramento del 30%! Inoltre, il coperchio della batteria del PowerTap P2 è stato migliorato. Questo è ora ancora più robusto. Questo minimizza il rischio di danni dovuti alla penetrazione dell’acqua.

DSC 6216
PowerTap P2 con accessori

C’è anche un cambiamento molto evidente. Rispetto al Powermeter P1, il PowerTap P2 è argento e non nero. Questo, combinato con la forma massiccia, richiede certamente un po’ di tempo per abituarsi.

Montaggio del PowerTap P2

Il montaggio del nuovo PowerTap Powermeter è estremamente semplice e avviene molto rapidamente. Per prima cosa, il vecchio pedale deve essere smontato. A seconda del pedale, è necessaria una chiave a brugola (6, 8 o 10 mm) o una chiave aperta (di solito 15 mm). Il PowerTap P2 viene poi avvitato nella filettatura del pedale con una chiave a brugola da 8 mm.

Per evitare che la scatola del pedale venga premuta contro il braccio della pedivella, è incluso un set di rondelle. Si consiglia di usarli durante il montaggio, soprattutto con le pedivelle in carbonio, per evitare danni. Le rondelle impediscono anche che il pedale venga danneggiato durante l’installazione.

Poi devi ancora montare le tacchette sulle tue scarpe da bici. Perché anche se hai già guidato un sistema di pedali Look-Kéo, PowerTap raccomanda di cambiare le tacchette.

DSC 6154
Tacchetti PowerTap P2

Contrariamente alle aspettative, i sistemi non sono completamente identici. Da un lato, le piastre dei pedali con 6° di libertà di movimento sono incluse. Separatamente PowerTap vende anche tacchetti con 0° di libertà di movimento. Anche se non possiamo garantire la piena compatibilità e l’assenza di problemi, crediamo che tu possa continuare a usare i tuoi tacchetti per pedali Look o Xpedo che sono simili nella costruzione. Altrimenti, possiamo dire per esperienza che, come con tutti i pedali clipless, non sarete sicuramente soddisfatti della prima impostazione. Ma non lasciate che questo vi spaventi e provate diverse impostazioni. Dopo poco tempo e i primi giri di prova, avrete regolato il sistema in base alle vostre esigenze.

Regolazione e calibrazione del PowerTap P2

Ora nulla ostacola la tua prima corsa con il PowerTap P2. Tutto quello che devi fare è collegare il misuratore di potenza al tuo computer da bicicletta. Vai alle impostazioni corrispondenti della tua unità principale: “Collegare un nuovo sensore di potenza”. Poi girare i pedali 1-2 volte per assicurarsi che il PowerTap P2 sia acceso. Pochi secondi dopo dovresti vedere il misuratore di potenza sullo schermo. Una volta che hai collegato il cycling computer e il tuo nuovo PowerTap P2, sei pronto a pedalare.

Come per tutti i powermeter, si raccomanda di eseguire un offset zero prima di ogni corsa. In questo modo, i dati sulle prestazioni che si ottengono sono sempre i più accurati possibili.

Confronto del PowerTap P2 con i concorrenti Assioma Duo e Garmin Vector 3 e SRM Look Exakt

Il PowerTap P2 compete con il Favero Assioma Duo, il Garmin Vector 3 e il SRM Look EXAKT Dual. Perciò non vogliamo nascondervi un confronto dei dati chiave dei prodotti.

La precisione di misurazione è nella stessa classe per tutti e 4 i powermeter. Il Favero Assioma Duo e il Garmin Vector 3 sono in testa con una specifica del produttore di ±1%. I concorrenti PowerTap e SRM seguono da vicino con ±1,5%.

Nel confronto dei prezzi, il PowerTap P2 è al 2° posto del campo (confronto del MSRP).

Purtroppo, dobbiamo fare delle concessioni in termini di peso. Con 398 grammi comprese le batterie, PowerTap manda in gara il misuratore di potenza a pedali chiaramente più pesante.

DSC 6103

Per quanto riguarda la durata della batteria, confrontiamo i sistemi Garmin e PowerTap da un lato. La batteria del Garmin dura ben 40 ore in più. D’altra parte, ci sono i sistemi ricaricabili di Favero e SRM. Qui il produttore tedesco si impone con una specifica di 100 ore. Favero dichiara poco meno della metà.

Tutti e quattro i misuratori di potenza dei pedali sono sistemi bilaterali che misurano e valutano una distribuzione sinistra-destra. PowerTap e Garmin pubblicizzano anche Advanced Pedal Metrics e Cycling Dynamics. Queste serie di dati forniscono informazioni sull’efficienza dello stile di guida e permettono di migliorarlo ulteriormente.

Unboxing del PowerTap P2

Ora passiamo all’effettivo unboxing del PowerTap P2. A prima vista, la scatola ci sembra molto familiare. Questo perché è abbastanza simile al suo predecessore.

DSC 6059

Quando apriamo la scatola, la prima cosa che troviamo sono le istruzioni. Dopo averli messi da parte, ci vengono presentati direttamente i due pedali. I pedali PowerTap P2 sembrano di alta qualità ed elaborati. Si ha immediatamente la sensazione di avere tra le mani un prodotto di alta qualità. Il PowerTap P2 è in gran parte fatto di leghe leggere. La molla è fatta di plastica. Tuttavia, il pedale sembra anche molto goffo. Colpisce il peso relativamente elevato.

Oltre ai pedali troviamo in dotazione un set di piastre rosse per i pedali (6° di galleggiamento), alcune rondelle e un set di batterie. Nel complesso, l’imballaggio è molto ordinato, dato che le piccole parti sono avvolte in un involucro termoretraibile.

DSC 6338 1
PowerTap P2 con tacchetti PowerTap

PowerTap, come altri produttori, offre un’app per completare il P2. Questo porta con sé diverse funzioni. Da un lato, si possono fare varie impostazioni prima della guida. È possibile creare diversi profili di biciclette per questo scopo. Si può specificare la lunghezza della pedivella, il tipo di sport, il peso della bicicletta o la circonferenza delle gomme. L’applicazione permette anche di eseguire un offset zero sul PowerTap P2.

Lo smartphone può essere usato come un’unità principale in aggiunta al PowerTap P2. Avete la possibilità di scegliere tra diversi campi di dati. In combinazione con il Powermeter e opzionalmente una cintura per la frequenza cardiaca, è possibile visualizzare la potenza, la velocità, la distanza, la cadenza e la frequenza cardiaca, la distribuzione sinistra-destra o parti delle Advanced Pedal Metrics.

Anche dopo la guida, l’applicazione offre molti vantaggi. C’è la possibilità di valutare i dati di guida o di scaricare gli aggiornamenti del software sul Powermeter. È anche possibile collegare l’app PowerTap a varie terze parti. Così puoi condividere automaticamente le tue corse su Strava o caricarle su TrainingPeaks.

Panoramica PowerTap P2

Il PowerTap P2 fa progressi rispetto al modello precedente. L’enorme peso del P1 è stato ridotto e i coperchi delle batterie sono stati ottimizzati. Il look è, per sua stessa ammissione, polarizzante. Qui ognuno può avere la propria opinione. La durata della batteria è stata migliorata, rendendo il P2 molto competitivo. Altrimenti, non possiamo vedere alcun miglioramento tecnico, purtroppo.

Il PowerTap P2 è dotato di Advanced Pedal Metrics, che era già disponibile sul P1, ma è ancora un vantaggio rispetto ai misuratori di potenza a pedale Favero e SRM.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *