© A.S.O./Charly López

Tour de France 2020 – La prima settimana

Il Tour de France, l’apice della stagione ciclistica, si svolgerà anche in questo straordinario anno 2020. Anche se con un ritardo di due mesi è iniziato a Nizza l’altro sabato. Nel giorno di riposo vogliamo guardare indietro alle prime tappe.

Tour de France 2020 / Anche Didi indossa una maschera © A.S.O./Charly López
La maschera è sempre con te quest’anno – anche con Didi © A.S.O./Charly López

I ragazzi tedeschi del tour

Dal punto di vista tedesco ci sono 12 corridori alla partenza. L’ex campione tedesco e quarto classificato dell’anno scorso Emanuel Buchmann ha l’ambizione di correre per la classifica generale. Sarà sostenuto dal suo team Bora-hansgrohe e dai suoi compagni di squadra Max Schachmann e Lennard Kämna. Che sono in forma e dopo l’interruzione della stagione condizionata da Corona caldo sulle vittorie, hanno già dimostrato. La giovane stella Kämna si è assicurata una vittoria di tappa al Criterium Dauphine all’età di 23 anni. Schachmann, d’altra parte, ha vinto la Parigi-Nizza quest’anno e ha risultati da top-ten alle Strade Bianche e al Giro di Lombardia e Algarve.

Maximilian Walscheid (NTT Pro Cycling) e Andre Greipel (Israel Start-Up Nation) dovrebbero essere tenuti in considerazione per gli arrivi in volata. Andre Greipel ha già vinto undici tappe del Tour of France ed è quindi molto esperto. Lo specialista delle classiche Nils Politt corre in squadra con Greipel e può ipotizzare una vittoria in fuga con un po’ di fortuna.

Simon Geschke e Tom Dumoulin al Tour de France
Simon Geschke (casco arancione) © A.S.O./Pauline Ballet

Simon Geschke e Jonas Koch corrono per la squadra polacca CCC. Geschke ha anche vinto una tappa del Tour de France una volta nel 2015. John Degenkolb (Parigi Roubaix / Milano-Sanremo 2015) e Roger Kluge (campione del mondo Madison 2018/2019) corrono per il Team Lotto Soudal.

Firmato al Team Jumbo-Visma è Tony Martin, specialista delle corse a tempo. Nove tedeschi, così come 4 titoli mondiali e 5 successi di tappa parlano da soli. A completare la formazione c’è Nikias Arndt che corre per il team tedesco Sunweb.

Tappa 1 – Il caos della pioggia di Nizza

La Grande Partenza del tour di quest’anno ha avuto luogo a Nizza. Senza un prologo, ci dovrebbe essere una spettacolare prova di forza dei velocisti in una tappa piatta. Con Caleb Ewan, Sam Bennett, Giacomo Nizzolo e molti altri, le premesse erano più che date. Ma il tempo ha messo i bastoni tra le ruote. La pioggia ha trasformato la superficie della strada asciutta in ghiaccio nero. Numerosi motociclisti si schiantano. Numerosi è un eufemismo. Così è stato finalmente l’esperto Tony Martin che ha deciso di neutralizzare il gruppo per motivi di sicurezza. Mentre il gruppo si avvicinava al traguardo, il ritmo si è lentamente alzato e si sono formati treni di sprint. Alla fine Alexander Kristoff dalla Norvegia ha vinto e si è assicurato il giallo per il giorno successivo.

Tony Martin e Luke Rowe / Tour de France 2020
© A.S.O./Alex Broadway

Rallentato dalle ferite della caduta e abbandonato dal gruppo, John Degenkolb ha mancato il tempo limite. Purtroppo questo tour finisce per lui già dopo il primo giorno.

  • Maglia gialla: Alexander Kristoff
  • Maglia verde: Peter Sagan (Il leader Kristoff è già in giallo)
  • Maglia da montagna: Fabien Grellier
  • Maglia bianca: Mads Pedersen
  • Classifica della squadra: Trek Segafredo
  • Il pilota più combattivo: Michael Schär

2a fase – vittoria emotiva

Il secondo giorno siamo andati direttamente una volta in montagna. 2 salite di prima, così come una di seconda categoria erano in attesa sul percorso di 186 chilometri. Inoltre, c’era una salita da superare poco prima del traguardo, in cima alla quale i corridori sono stati in grado di assicurarsi secondi di bonus. Il chiaramente favorito Julian Alaphilippe si è assicurato una vittoria emozionante qui e con essa la maglia di leader della classifica generale.

Julian Alaphilippe vince la seconda tappa del Tour de France 2020
© Stampa Sportiva/Bernard Papon

L’anno scorso al Tour de France l’ha già indossato per diversi giorni. Dopo un attacco sul Col de Quatre Chemins, ha vinto lo sprint finale contro Adam Yates e Marc Hirschi.

  • Maglia gialla: Julien Alaphilippe
  • Maglia verde: Alexander Kristoff
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Marc Hirschi
  • Classifica della squadra: Trek Segafredo
  • Il pilota più combattivo: Benoit Cosnefroy

Fase 3 – Sprint Royale

Anche se costellata da alcune salite minori, questa è stata ancora una volta una giornata per i velocisti. Ma prima che ci fosse un finale emozionante, c’era un po’ di dramma anche su questo palco. Anthony Perez, che era nel gruppo in fuga e aveva già virtualmente cavalcato nella maglia delle montagne, si è scontrato con la sua stessa auto della squadra dopo una gomma a terra. Frattura della clavicola. Via la camicia. Giro finito. Nella resa dei conti in volata, è stato infine Caleb Ewan, il minuscolo australiano, a spuntarla.

Etappe3 edited
© A.S.O./Pauline Ballet
  • Maglia gialla: Julien Alaphilippe
  • Maglia verde: Peter Sagan
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Marc Hirschi
  • Classifica della squadra: Trek Segafredo
  • Il pilota più combattivo: Jerome Cousin

Tappa 4 – Il primo arrivo in montagna

Nella quarta tappa abbiamo visto il primo arrivo in montagna. Dopo alcune classifiche di terza e quarta categoria, si doveva padroneggiare la salita finale della prima categoria. Questo era lungo 7,1 chilometri e andava in salita ad una media del 6,7%. Il tedesco Nils Politt e il suo compagno di squadra Kris Neilands sono riusciti a staccarsi con un gruppo in fuga all’inizio, ma sono stati ripresi poco prima dell’ultima salita. Ora spettava agli specialisti della montagna decidere la vittoria tra di loro.

Il favorito del tour Primoz Roglic
© A.S.O./Pauline Ballet

Primoz Roglic del team olandese Jumbo Visma si è assicurato la vittoria di tappa nello sprint di montagna. Emanuel Buchmann non è stato in grado di tenere il passo con l’ultima accelerazione e ha perso nove secondi.

  • Maglia gialla: Julien Alaphilippe
  • Maglia verde: Peter Sagan
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Tadej Pogacar
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Il pilota più combattivo: Kris Neilands

Fase 5 – Rilassati verso il traguardo

Davanti alla TV, è stato sicuramente uno dei giorni più noiosi. Il Tour de France sembra diverso. Non c’erano corridori con ambizioni di fuga nella tappa per lo più in leggera discesa. Solo allo sprint intermedio il ritmo è aumentato per un breve periodo, per poi calare di nuovo subito dopo. La maggior parte dei corridori poteva essere vista chiacchierare. Nello sprint finale in leggera salita Wout van Aert, probabilmente uno dei corridori più impressionanti di questa stagione, ha avuto una possibilità e ha lasciato indietro i velocisti intorno a Cees Bol.

Etappe5 3 edited
© Pressesports/Bernard Papon

Wouter Poels, che ha corso con una contusione polmonare dopo un incidente nella prima tappa, ha ricevuto il numero rosso onorario sulla schiena. Sorprendentemente, c’è stato un cambiamento nella classifica generale. Questo è ora guidato da Adam Yates. Alaphilippe ha ricevuto una penalità di 20 secondi per aver accettato una bottiglia negli ultimi 20 chilometri.

Etappe5 edited
Un vero combattente, questo ragazzo © A.S.O./Alex Broadway
  • Maglia gialla: Adam Yates
  • Maglia verde: Sam Bennett
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Tadej Pogacar
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Il pilota più combattivo: Wouter Poels

Fase 6 – Il meglio del meglio

Ok, forse questo titolo è un po’ esagerato, ma il gruppo in fuga in questa tappa era composto da corridori ben noti.

Etappe6 edited
Il campione olimpico Greg van Avermaet e Edvald Boasson Hagen facevano parte del gruppo in fuga © A.S.O./Pauline Ballet

Eppure, in questo gruppo, il giovane americano Neilson Powless si è distinto con la sua guida, almeno per me. Alla fine è arrivato quarto, il vincitore è stato Alexey Lutsenko. I corridori della classifica sono arrivati uniti all’arrivo in montagna di questa tappa altrimenti piatta.

  • Maglia gialla: Adam Yates
  • Maglia verde: Sam Bennett
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Tadej Pogacar
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Il pilota più combattivo: Nicolas Roche

Tappa 7 – Bora fa un putiferio

Nell’ultimo giorno prima dei Pirenei, la Bora rende la corsa veloce nella battaglia per il verde e il giallo. Non hanno lasciato scappare nessun fuggitivo prima della prima piccola salita e lì hanno stretto enormemente il ritmo. È troppo veloce per i velocisti e quindi Sam Bennett deve lasciarsi andare. Nella connessione c’è una situazione di bordo del vento.

Bordo del vento nel settimo giorno del Tour de France
Da davanti, il team Bora ha controllato la tappa 7 © A.S.O./Alex Broadway

Non c’è possibilità di recuperare il ritardo e quindi nessun punto oggi. Più tardi, anche Tadej Pogacar e Mikel Landa perdono un po’ di tempo sul filo del vento. Nello sprint a gruppo ridotto, Peter Sagan è il favorito. Tuttavia, la catena cade nel momento decisivo. Ancora una volta il veloce Wout van Aert trionfa e si assicura la sua sesta vittoria della stagione.

  • Maglia gialla: Adam Yates
  • Maglia verde: Peter Sagan
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Egan Bernal
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Il pilota più combattivo: Daniel Oss

Tappa 8 – Il fine settimana dei Pirenei

I corridori devono conquistare due salite di prima categoria e una di seconda categoria oggi prima di raggiungere il traguardo dopo 141 km. La tappa è vinta da Nans Peters che era nel gruppo di fuga di questa tappa del Tour de France. Verso la fine della tappa, i suoi rivali non erano più in grado di seguirlo in salita o in discesa. È la sua seconda vittoria di tappa del Grand Tour dopo il Giro 2019.

Anche Nans Peters è sulla buona strada per vincere la sua prima tappa del Tour de France
© A.S.O./Pauline Ballet

Nel frattempo, i favoriti per la vittoria assoluta erano di buon umore. Wout Van Aert, Tom Dumoulin e gli altri corridori del Jumbo Visma Team hanno spinto il ritmo per il loro capitano Primoz Roglic. Così che già alcuni top climber hanno perso la connessione, tra cui anche Emanuel Buchmann. Poi ci sono stati alcuni attacchi. Tadej Pogacar è riuscito a prevalere. Dopo la perdita di tempo del giorno prima, anche questo era importante. 40 secondi davanti a Yates, Bernal, Quintana e Co raggiunge il posto finale Loudenvielle.

Egan Bernal / Vincitore Tour de France 2019
Anche il vincitore dell’anno scorso Egan Bernal sembra essere sottotono, mostrando segni di debolezza © A.S.O./Pauline Ballet

Buchmann, che non è veramente in forma dopo la sua caduta al Criterium Dauphine, sta limitando i danni. Anche se perde 1:03 dalla vetta, recupera posizioni nella classifica. Questo perché Julian Alaphilippe perde 12 minuti e Thibaut Pinot, che ha problemi alla schiena, perde quasi 20 minuti.

  • Maglia gialla: Adam Yates
  • Maglia verde: Peter Sagan
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Egan Bernal
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Il pilota più combattivo: Nans Peters

Tappa 9 – A tutto gas nel giorno di riposo

La nona tappa è stata molto veloce. Dall’inizio ci sono stati molti attacchi, ma soprattutto Jumbo Visma non voleva far guidare nessuno. Dal punto di vista tedesco è stato bello vedere che dopo una caduta sabato scorso, il vincitore di tappa del Criterium Dauphine, Lennard Kämna, era molto più forte di prima. Ma è stato il giovane svizzero Marc Hirschi, ex campione del mondo U23, che è riuscito a staccarsi da solo. Dietro di loro c’era una battaglia di corridori di classifica.

Etappe9 2 edited
© A.S.O./Alex Broadway

Solo Bernal, Landa e i due sloveni Pogacar e Roglic hanno superato l’ultima salita. Con un distacco non troppo grande da Hirschi, i quattro sono in lotta per la vittoria di tappa e preziosi secondi di bonus negli ultimi chilometri. Dopo un assolo di 90 chilometri nei Pirenei, è finalmente piazzato a 1,5 chilometri dal traguardo. Nello sprint Pogacar vince davanti a Roglic. Marc Hirschi prende un forte terzo posto e può iniziare martedì con il numero rosso.

Etappe9 edited
© A.S.O./Alex Broadway

Gli altri piloti perdono molto tempo. Emanuel Buchmann deve rendersi conto che la sua forma non è ottimale e finisce 4:12 dietro i leader.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Peter Sagan
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Egan Bernal
  • Classifica della squadra: Movistar Team
  • Il pilota più combattivo: Marc Hirschi

Conclusione della prima settimana – Tour de France 2020

Nel giorno di riposo di oggi del Tour de France, si può dire che Primoz Roglic è attualmente il corridore giusto per indossare la maglia gialla. La sua vittoria di tappa e la performance complessiva della squadra la scorsa settimana hanno chiaramente dimostrato che lui è il favorito di quest’anno. Soprattutto Wout van Aert si distingue. Oltre a due vittorie in volata, il vincitore di Milano-Sanremo e Strade Bianche ha causato problemi a molti scalatori come aiutante. Come l’attuale terzo classificato, bisogna anche tenerlo d’occhio in termini di maglia verde.

Etappe9 3 edited
Marc Hirschi è semplicemente divertente da guardare, grande performance nella prima settimana © A.S.O./Alex Broadway

Dal punto di vista tedesco, il team Bora sta migliorando giorno dopo giorno. Da un lato, questo vale per Peter Sagan che finora non è sembrato esperto come al solito. D’altra parte, questo vale anche per i feriti Mühlberger, Schachmann e Kämna. Quello che Emanuel Buchmann può ottenere in questo Tour resta da vedere. Via Instagram ha annunciato oggi che non seguirà più la classifica d’ora in poi. Vuole invece vincere una tappa nelle prossime due settimane.

Roger Kluge ha già vinto una tappa come leadout con Caleb Ewan. Tony Martin è in rotta per il titolo con il suo Jumbo Team. Andre Greipel è attualmente ancora rallentato da infortuni e antibiotici, ma come undici volte vincitore di tappa non può mai essere completamente escluso per le prossime tappe di sprint e il finale di Parigi.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newsletter

Informazioni su grandi offerte, nuovi prodotti e post del blog.