Fase13-2

Tour de France 2020 – Settimana 2

Mentre il Tour de France entra nel suo secondo giorno di riposo, è il momento di ricapitolare la seconda settimana. La prima settimana del Tour de France 2020 è stata già interessante ed emozionante.

Tappa 13 Tour de France 2020 gruppo in fuga
Non meno di tre tedeschi sono stati in grado di ottenere buoni risultati da un gruppo in fuga nella 13a tappa © A.S.O./Pauline Ballet

Con un abbandono del Tour legato alle infezioni di Cororna non improbabile, i corridori non stanno trattenendo molto per la settimana finale.

Tappa 10 – Nella battaglia per il verde

Dopo il giorno di riposo di lunedì scorso, la nuova settimana è iniziata con una tappa piatta. Poco dopo la partenza, due fuggitivi, gli svizzeri Stefan Küng e Michael Schär, si sono staccati. Ma non è rimasto così a lungo. Le condizioni di vento teso e la paura di una situazione di bolina hanno mantenuto alto il ritmo del gruppo. Nella situazione di tensione ci sono state alcune crepe e cadute nel gruppo. Tuttavia, le velocità del vento non erano sufficienti a causare danni significativi. Così almeno tutti i velocisti e i corridori di classifica hanno raggiunto il traguardo di tappa allo stesso tempo.

Lì è stato il treno sprint del team Sunweb a dettare l’azione fino all’ultimo chilometro. La vittoria di tappa, tuttavia, è andata a Sam Bennett. È stata la prima vittoria di tappa al Tour per l’irlandese ed era visibilmente commosso nell’intervista successiva. Ha anche reclamato la maglia verde dal rivale Sagan.

Sam Bennett, vincitore 10° tappa Tour de France 2020
© A.S.O./Pauline Ballet

Dal punto di vista tedesco, Andre Greipel sembra essere di nuovo in forma, dopo essere stato un po’ debole di recente. Per la prima volta a questo tour ha preso parte alla gara di sprint ed è arrivato 6°.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Sam Bennet
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Egan Bernal
  • Classifica della squadra: Movistar Team
  • Cavaliere più combattivo: Stefan Küng

Fase 11 – Stress nello sprint

Con solo pochi metri di altitudine e una piccola salita di quarta categoria, l’undicesima tappa del Tour de France 2020 è stata ancora una volta una giornata per i velocisti. Ma 6 chilometri prima del traguardo Lukas Pöstlberger ha attaccato di nuovo. Con Bob Jungels e Kasper Asgreen sulla sua ruota posteriore, sembrava che i tre potessero essere in grado di tagliare il traguardo con un piccolo vantaggio. Ma 3,5 chilometri dopo sono stati catturati.

Peter Sagan, Tour de France 2020
© A.S.O./Alex Broadway

Dramma ed eccitazione nello sprint che seguì. In un finale da libro illustrato Sagan, Bennett, Van Aert e Ewan arrivano al traguardo quasi contemporaneamente. Caleb Ewan ha avuto un buon tempismo ed è stato il più veloce anche oggi – la sua seconda vittoria di tappa. Per una spinta contro Van Aert, il secondo di tappa Peter Sagan è stato poi retrocesso in classifica e penalizzato con una detrazione di punti nella lotta per la maglia verde. Dopo aver visto più volte il filmato, pensiamo male. Sagan può piacere o no, ma in questa situazione si sta comprando spazio per evitare una caduta come ha fatto Fabio Jakobsen al Giro di Polonia. I velocisti devono decidere le loro azioni in frazioni di secondo e gli spostamenti come questo fanno parte dello sprint.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Sam Bennet
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Egan Bernal
  • Classifica della squadra: Movistar Team
  • Il pilota più combattivo: Matthieu Ladagnous

Tappa 12 – Il giorno più lungo

Oggi c’era la tappa del Tour più lunga dell’anno. Un profilo ondulato dritto verso il traguardo prometteva molte emozioni. A ben 40 chilometri dall’arrivo, si è poi aperta la corsa per la vittoria di tappa. Numerosi corridori hanno attaccato sulla Cote de la Croix du Pey, tra cui il vincitore di tappa Julian Alaphilippe, Marc Hirschi e il tedesco Max Schachmann.

Marc Hirschi con la sua prima vittoria da professionista al Tour de France
© A.S.O./Alex Broadway

Marc Hirschi, che era già stato secondo e terzo nelle tappe di questo Tour, è riuscito finalmente a staccarsi con un assolo di 28 chilometri. I disaccordi tra gli inseguitori hanno reso difficile il recupero e così il giovane svizzero ha vinto.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Sam Bennet
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Egan Bernal
  • Classifica della squadra: Movistar Team
  • Il pilota più combattivo: Marc Hirschi

Tappa 13 – Kämna si mette in gioco

Dopo due tappe pianeggianti e il profilo piuttosto ondulato della tappa del giorno precedente, la 13a tappa ha portato su molte montagne nel Massiccio Centrale. Molti corridori e squadre erano interessati a una vittoria di tappa e così un grande gruppo di fuga con i tre tedeschi Schachmann, Kämna e Geschke si è staccato. Dal gruppo in fuga è stato uno dei tre corridori di Education First, Neilsson Powless, a staccarsi. Max Schachmann ha chiuso il gap poco dopo ed è stato anche in grado di attaccare sopra il giovane americano. Daniel Martinez (EF Pro Cycling), che aveva vinto il Criterium Dauphine dopo l’incidente di Primoz Roglic, ha poi cercato di prendere Schachmann di nuovo, ma non poteva liberarsi di Lennard Kämna. A 1,5 km dall’arrivo, i tre stavano finalmente pedalando insieme e la vittoria di tappa sarebbe stata decisa tra loro. I piloti della Bora erano chiaramente favoriti nella maggioranza, ma Schachmann non è stato in grado di tenere il passo per molto tempo. Lennard Kämna si contrae un po’ troppo presto nello sprint finale e quindi purtroppo arriva solo secondo. Max Schachmann è arrivato terzo, Simon Geschke settimo. Eppure, una forte performance da parte dei tedeschi e forse avranno un’altra possibilità in una delle prossime tappe.

Max Schachmann, Bora-hansgrohe combatte per una vittoria di tappa
© A.S.O./Pauline Ballet

Nella lotta per il giallo gli sloveni hanno fatto sul serio. Roglic e Pogacar hanno tenuto il ritmo incredibilmente alto sulla salita finale, così che soprattutto il vincitore dello scorso anno Egan Bernal ha perso molto tempo. Con questo perde la maglia bianca di miglior giovane.

Dopo una caduta durante la tappa e una commozione cerebrale diagnosticata in seguito, Romain Bardet deve lasciare il Tour dopo questa tappa.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Sam Bennet
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Tadej Pogacar
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Il pilota più combattivo: Max Schachmann

Tappa 14 – Sagan continua a combattere

Dopo la sua spinta contro Wout van Aert e la successiva penalità, sarà difficile per Peter Sagan vincere la maglia verde. Sam Bennett ha attualmente un solido vantaggio. Ma con l’abbandono delle ambizioni generali di Emanuel Buchmann, Sagan può ora contare sul sostegno dell’intero team Bora, Band of Brothers.

Oggi ha attaccato insieme a Max Schachmann e Daniel Oss sulla salita prima dello sprint intermedio. Anche se Sam Bennett ha cercato di tenere il passo, il ritmo all’onda era solo un po’ troppo veloce per il velocista purosangue. Nel corso della tappa Lukas Pöstlberger, Lennard Kämna e anche Emanuel Buchmann si sono impegnati a lavorare sul ritmo. Così la Bora è riuscita a distanziare nuovamente alcuni velocisti, tra cui Sam Bennett. Se la squadra tedesca continua a lavorare in questo modo e non solo toglie energia agli altri velocisti, ma non dà loro la possibilità di raccogliere punti negli sprint intermedi, Peter Sagan potrebbe arrivare a Parigi in verde, dopo tutto.

Bora-hansgrohe controlla il Tour de France 2020 nella lotta per la maglia verde
© A.S.O./Alex Broadway

Il finale di questa tappa è stato duro. Due salite di quarta categoria negli ultimi dieci chilometri promettono emozione pura. Ci sono stati alcuni attacchi, ancora una volta da parte di Lennard Kämna, ma il primo ad arrivare è stato Soren Kragh Andersen proprio davanti a un gruppo ridotto intorno a Peter Sagan. Arrivando quarto, ha certamente ottenuto meno punti di quelli sperati.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Sam Bennet
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Tadej Pogacar
  • Classificazione della squadra: EF Pro Cycling
  • Cavaliere più combattivo: Stefan Küng

Fase 15 – INEOS fallisce

La tappa 15 porta all’arrivo in montagna sul Grand Colombier. Ma prima di questo i corridori dovevano padroneggiare due montagne di prima categoria.

Prima, però, c’è stata una scena disordinata. Un secondo di disattenzione da parte di Bob Jungels e Sergio Higuita causa una caduta per il colombiano che termina il Tour come risultato. A nostro parere, non è giusto incolpare un autista per questo, ed è per questo che a questo punto lasciamo perdere. Bob Jungels si schianta più tardi perché un’ambulanza sbadata lo sorpassa e lo colpisce con lo specchietto laterale.

Wout van Aert dimostra le sue qualità in montagna
Wout van Aert lascia in piedi alcuni dei migliori corridori di montagna © A.S.O./Pauline Ballet

Anche in questa tappa un gruppo in fuga ha cercato di vincere la tappa, con Simon Geschke tra loro. Ma la squadra del leader della classifica generale aveva qualcosa contro e ha mantenuto il divario piccolo. Sulla salita finale c’è stata una sorpresa, quando Wout van Aert stava facendo il lavoro di ritmo per il suo leader, Egan Bernal ha dovuto lasciare andare presto. Non te lo saresti aspettato dal Team Sky/Ineos, che ha dominato il Tour da quando Bradley Wiggins ha vinto. Ma è la prestazione complessiva del Team Jumbo a fare la differenza oggi, dato che anche il co-leader Tom Dumoulin contribuisce con un lungo vantaggio. Sulla strada verso il traguardo, però, Tadej Pogacar non solo ha mantenuto il ritmo, ma ha anche vinto la tappa negli ultimi metri.

  • Maglia gialla: Primoz Roglic
  • Maglia verde: Sam Bennet
  • Maglia da montagna: Benoit Cosnefroy
  • Maglia bianca: Tadej Pogacar
  • Classifica della squadra: Movistar Team
  • Cavaliere più combattivo: Pierre Rolland

Conclusione della seconda settimana

La seconda settimana è stata probabilmente abbastanza piacevole per tutti gli spettatori tedeschi. Andre Greipel sembra essersi messo alle spalle gli infortuni della prima settimana e con un po’ di fortuna può sperare in un buon risultato a Parigi. Lennard Kämna, Max Schachmann e Simon Geschke sono molto presenti. Sia nei gruppi in fuga, che in testa al gruppo o nel finale di tappa. Anche se non era ancora abbastanza per una vittoria tedesca, rimaniamo fiduciosi.

La vittoria di tappa di Marc Hirschi giovedì è stata probabilmente uno dei momenti salienti dal punto di vista sportivo. Dopo essere stato molto vicino due volte prima, ora prende meritatamente la sua prima vittoria professionale e fa una buona impressione.

Anche Stefan Küng fa una buona figura. Il campione europeo a cronometro ha fatto parte di diversi gruppi in fuga e ha indossato il numero rosso posteriore due volte.

La battaglia per le maglie rimane serrata. Soprattutto perché Tadej Pogacar e Primoz Roglic sono entrambi buoni cronometristi, ci potrebbero essere cambiamenti nella classifica anche l’ultimo giorno. Egan Bernal, a 8:25, potrebbe aver perso la possibilità di una seconda vittoria al Tour.

Team INEOS - Bernal, Kwiatkowski e Castroviejo al Grand Colombier durante la tappa 15 del Tour de France 2020.
Il nobile aiutante Kwiatkowski limita i danni per il Team INEOS © A.S.O./Alex Broadway

Sam Bennett sta attualmente combattendo su tutte le salite contro la squadra tedesca intorno a Peter Sagan che vuole prendere la maglia verde da lui. Deceuninck-Quick-Step gli metterà a disposizione il resto della squadra. Resta da vedere chi perderà a Parigi e chi trionferà e gioirà.

Anche questo tour non è ancora finito per Benoit Cosnefroy. Attualmente indossa la maglia del miglior corridore in montagna – che spesso premia una fuga diligente – sta lottando sulle salite del gruppo. Pogacar, Roglic, Hirschi e Peters sono attualmente distanti solo 5 punti e stanno tutti facendo bene in montagna. Non è improbabile che uno dei quattro indossi la maglia l’ultimo giorno del Tour.

Condividi questo post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *