Fornitura di energia

L’approvvigionamento energetico è il rilascio di energia di cui il corpo ha bisogno per i singoli processi. Viene rilasciato dall’ossidazione dei substrati che forniscono energia o dei nutrienti. Questi sono principalmente glucosio (destrosio) e acidi grassi o le loro forme di stoccaggio glicogeno e trigliceridi.

Tutte le forme di produzione e fornitura di energia hanno un solo obiettivo: servono alla risintesi dell’adenosina trifosfato (ATP) in adenosina difosfato (ADP), che è stata rotta durante la contrazione muscolare, in modo che questa sia nuovamente disponibile per la fornitura di energia. La rapida risintesi di ADP in ATP prodotta durante il lavoro muscolare è il problema centrale del metabolismo energetico dell’allenamento.

Solo una parte relativamente piccola dell’energia libera diventa utilizzabile sotto forma di lavoro meccanico o osmotico (trasporto), la maggior parte viene persa come calore.

Si fa una distinzione di base tra due tipi di approvvigionamento energetico. L’energia può essere fornita dal metabolismo aerobico o anaerobico.

Ci sono differenze significative tra atleti allenati e non allenati. La persona non allenata ha meno fosfati e glicogeno disponibili.

A seconda dell’intensità del carico, si possono determinare periodi di tempo con una fornitura di energia dominante:

Intervallo di tempoFornitura di energia
> 10 sec.I depositi di fosfato (depositi muscolari) sono cruciali
25 sec. – 2 min.La glicolisi domina, la glicolisi aerobica acquista importanza
2 – 10 min.l’utilizzo aerobico del glicogeno viene prima
10 – 45 min.approvvigionamento energetico aerobico con combustione dominante del glicogeno
45 – 60 min.aumento della combustione dei grassi

Condividi questo post